Settore Tecnologico - ITT

Settore Tecnico Tecnologico - ITT


A partire dall’anno scolastico 1998-99 all’I.T.C. “Ronca” è stata annessa la sezione tecnica industriale di CHIMICA CONCIARIA, l’unica nel centro Sud, allo scopo di formare periti chimici conciari, con una preparazione scolastica il più possibile rispondente alle esigenze territoriali. Questa sezione  è uno dei tre istituti italiani con tale specializzazione, unico del centro-sud. Con l’istituto di   Arzignano in provincia di Vicenza, è stato realizzato un gemellaggio, l’altro si trova a Santa Croce in provincia di Firenze.

L’ITIS a indirizzo conciario vuole essere una scuola in grado di fornire all’alunno competenze di base in chimica e competenze tecniche  peculiari di una specializzazione in campo conciario al fine di guidare ad una consapevole scelta universitaria o ad un vantaggioso inserimento nel mondo del lavoro. A tal fine l’Istituto è impegnato in progetti di collaborazione con la Stazione Sperimentale Pelli di Napoli ed offre l’opportunità agli alunni delle classi terminali di partecipare inoltre a stage presso le concerie e le aziende di prodotti chimici del territorio.

Il settore chimico-conciario segue con attenzione e incoraggia le attività del nostro istituto: l’AICC Associazione Italiana dei Chimici del Cuoio prevede di mettere a disposizione un bonus per l’acquisto di libri destinato agli alunni della terza classe dell’ITIS; anche l’Unione Nazionale Industria Conciaria supporta il percorso di formazione con borse di studio o con finanziamenti di attività di stage.

Dall’anno scolastico 2013/2014, all’istituto Ronca, si tengono le lezioni di alta formazione della “Federico II”. L’Istituto, infatti,  è sede per l’avvio di un corso universitario in “Tecniche e Prevenzione dell’Ambiente e dei Luoghi di Lavoro” dell’Università “Federico II” di Napoli .

 

 

 


SETTORE TECNICO TECNOLOGICO

Indirizzo CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

 

L’indirizzo persegue lo sviluppo sia dicompetenze specifiche nel campo dei materiali, delle analisi strumentali chimico-biologiche, nei processi di produzione, in relazione alle esigenze delle realtà territoriali, negli ambiti chimico, merceologico, biologico, farmaceutico, tintorio e conciario sia nel settore della prevenzione e della gestione di situazioni a rischio ambientale e sanitario.

Il diplomato in Chimica, Materiali e Biotecnologie è in grado di:

  • collaborare nei contesti produttivi, nella gestione e nel controllo dei processi, nella gestione e manutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici, partecipando alla risoluzione delle problematiche relative agli stessi; ha competenze per l’analisi e il controllo dei reflui, nel rispetto delle normative per la tutela ambientale
  • integrare competenze di chimica, di biologia e microbiologia, di impianti e di processi chimici e biotecnologici, di organizzazione e automazione industriale, per contribuire all’innovazione dei processi e delle relative procedure di gestione e di controllo per il sistematico adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese
  • applicare i principi e gli strumenti in merito alla gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, del miglioramento della qualità dei prodotti, dei processi e dei servizi
  • collaborare nella pianificazione, gestione e controllo delle strumentazioni di laboratorio di analisi e nello sviluppo del processo e del prodotto
  • verificare la corrispondenza del prodotto alle specifiche dichiarate, applicando le procedure e i protocolli dell’area di competenza, controllare il ciclo di produzione utilizzando software dedicati, sia alle tecniche di analisi di laboratorio sia la controllo e gestione degli impianti
  • essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui sono applicate.

 

Articolazione “Chimica e Materiali opzione “Tecnologie del cuoio” sede di Solofra

 

Nell’articolazione “Chimica e materiali” vengono identificate, acquisite e approfondite, nelle attività di laboratorio, le competenze relative alle metodiche per la preparazione e per la caratterizzazione dei sistemi chimici, all’elaborazione, realizzazione e controllo di progetti chimici e biotecnologici e alla progettazione, gestione e controllo di impianti chimici.

Quadro orario ministeriale (ore  settimanali)

“Tecnologie del cuoio”

 

Discipline

1°Biennio

2°Biennio

 

 

I

II

III

IV

V

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua inglese

3

3

3

3

3

Storia

2

2

2

2

2

Matematica

4

4

 

 

 

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica o insegnamenti generali

1

1

1

1

1

Diritto ed economia

2

2

 

 

 

Scienze integrate (Scienze della terra)

2

 

 

 

 

Scienze integrate (Biologia)

 

2

 

 

 

Scienze integrate( Fisica)

3(1)*

3(1)*

 

 

 

Scienze integrate(Chimica)

3(1)*

3(1)*

 

 

 

Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica

3(1)*

3(1)*

 

 

 

Geografia generale

1

 

 

 

 

Tecnologie informatiche

3(2)*

 

 

 

 

Scienze e tecnologie applicate

 

3

 

 

 

Matematica e complementi

 

 

4

4

3

Chimica analitica e analisi applicate

 

 

5(3)*

4(3)*

5(3)*

Chimica organica e biochimica

 

 

5(2)*

3(2)*

3(2)*

Tecnologie e biotecnologie conciarie

 

 

6(3)*

9(4)*

9(5)*

totale

33

32

32

32

32

Ore in compresenza ()*

 

 

 

 

 

 


 

SETTORE TECNICO TECNOLOGICO

Indirizzo SISTEMA E MODA

 

 

Il Diplomato nell’Indirizzo Sistema Moda:
-  ha competenze specifiche nell’ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali, produttive e di marketing del settore tessile, abbigliamento, calzatura, accessori e moda;
– integra la sua preparazione con competenze trasversali di filiera che gli consentono sensibilità e capacità di lettura delle problematiche dell’area sistema-moda.
È in grado di:
• assumere, nei diversi contesti d’impiego e con riferimento alle specifiche esigenze, ruoli e funzioni di ideazione, progettazione e produzione di filati, tessuti, confezioni, calzature e accessori, di organizzazione, gestione e controllo della qualità delle materie prime e dei prodotti finiti;
• intervenire, relativamente alle diverse tipologie di processi produttivi, nella gestione e nel controllo degli stessi per migliorare qualità e sicurezza dei prodotti;
• agire, relativamente alle strategie aziendali, in termini di individuazione di strategie innovative di processo, di prodotto e di marketing;
• contribuire all’innovazione creativa, produttiva e organizzativa delle aziende del settore moda;
• collaborare nella pianificazione delle attività aziendali.

Articolazione “Calzature e moda” sede di Solofra

Nell’articolazione “Calzature e  moda”, si acquisiscono le competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione alle materie prime, ai prodotti e processi per la realizzazione di calzature e di accessori moda.
A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell’indirizzo Sistema Moda consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze.
1. Astrarre topos letterari e/o artistici per ideare messaggi moda.
2. Produrre testi argomentativi aventi come target riviste di settore.
3. Analizzare gli sviluppi della storia della moda nel ventesimo secolo 
4. Individuare i processi della filiera d’interesse e identificare i prodotti intermedi e finali dei suoi segmenti, definendone le specifiche.
5. Analizzare il funzionamento delle macchine operanti nella filiera d’interesse ed eseguire i calcoli relativi a cicli tecnologici di filatura, tessitura e di confezione.
6. Progettare prodotti e componenti nella filiera d’interesse con l’ausilio disoftware dedicati.
7. Gestire e controllare i processi tecnologici di produzione della filiera d’interesse, anche in relazione agli standard di qualità.
8. Progettare collezioni moda.
9. Acquisire la visione sistemica dell’azienda e intervenire nei diversi segmenti della relativa filiera.
10. Riconoscere e confrontare le possibili strategie aziendali, con particolare riferimento alla strategia di marketing di un’azienda del sistema moda.
In relazione a ciascuna delle articolazioni ”Tessile, abbigliamento e moda” e “Calzature e moda”, le competenze di cui sopra sono sviluppate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.

 

 

 

 

 

 

Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità alla Cookie Policy.